Con Philippe Daverio se ne va un "amico di Modena"

lutto 1' di lettura 02/09/2020 - “Amico di Modena e divulgatore prezioso per la sua capacità di far percepire aspetti anche sottili e sfumature dell’arte in rapporto con la storia e con la vita. Sempre con un linguaggio che si faceva capire bene, semplice, senza scadere mai nella banalità”.

Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, insieme all’assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi, ricorda così, in un messaggio di cordoglio, la figura di Philippe Daverio, esperto d’arte, docente e saggista scomparso all’età di 70 anni.

“Il parlar chiaro, l’acutezza delle sue osservazioni e la naturale propensione alla convivialità – ricorda Muzzarelli - sono tra gli elementi che l’hanno fatto diventare amico di Modena, dove non mancava alle grandi manifestazioni in Fiera, come Modenantiquaria, e aveva rapporti stretti con istituzioni culturali e galleristi. In città è stato protagonista di tante iniziative, tra cui anche convegni e talk show nell’Estate ai Giardini, e in tutte queste occasioni ha offerto il suo sguardo originale e il taglio sempre particolare delle sue interpretazioni, non solo riguardo all’arte. Non a caso considerava Enzo Ferrari il più grande artista della città e non perdeva occasione, in ogni sua visita, di entrare in quello che lui considerava il più importante museo della città: il Duomo, un capolavoro d’arte e di civiltà”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2020 alle 16:07 sul giornale del 03 settembre 2020 - 160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, modena, lutto, comune di modena, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/buND