Ferrara: Polizia di Stato: monitoraggio stabili abbandonati, individuata una decina di extracomunitari

2' di lettura 24/09/2020 - Gli Agenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Ferrara, unitamente al personale della Squadra Volante, nella mattinata di mercoledì hanno effettuato un’operazione volta al contrasto dell’immigrazione irregolare, monitorando alcuni stabili abbandonati spesso occupati abusivamente da spacciatori e cittadini irregolari che ivi bivaccano per evitare i frequenti controlli della Polizia.

I controlli si sono concentrati in una ampia zona posta alle spalle della stazione ferroviaria, dalla quale è possibile raggiungere, attraverso il sottopasso pedonale, un’area racchiusa tra via Modena, via Scalambra, area ex distilleria e in via 2 Abeti.

All’interno di uno stabile di via 2 Abeti, struttura abbandonata, fatiscente e in pessime condizioni igienico sanitarie, sono stati individuati 12 cittadini extracomunitari senza tetto che usavano la struttura come dimora di fortuna.

La maggior parte pregiudicati o comunque gravati da precedenti di polizia.

Accompagnati in Questura per essere sottoposti ad accertamenti identificativi e rilievi dattiloscopici, emergeva che 5 di loro, di cui due gambiani e tre marocchini, risultavano irregolari sul territorio nazionale, mentre gli altri avevano in atto ricorsi presso le competenti Commissioni per il riconoscimento della protezione internazionale.

Al termine delle formalità di rito, nei confronti di un cittadino gambiano di 30 anni, con numerosi e considerevoli precedenti penali e di polizia, per resistenza a pubblico ufficiale, reiterata detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e reati in materia di immigrazione clandestina, stante l’evidente pericolosità sociale, il Questore Capocasa ha ordinato l’immediato accompagnamento presso il Centro di Permanenza per i Rimpatri di Torino, da dove verrà successivamente imbarcato su un volo charter per il Gambia.

Agli altri cittadini irregolari sono stati emessi e notificati i provvedimenti di espulsione e ordine di lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni.

“Sono stati predisposti servizi finalizzati a verificare le situazioni di criticità, sotto il profilo della sicurezza pubblica e urbana, derivanti dalle occupazioni, anche occasionali, di aree ed immobili abbandonati, come già disposto per l’area dell’ex distilleria, sita in via Turchi, in via Scalambra e in via Maffi“.






Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2020 alle 15:52 sul giornale del 25 settembre 2020 - 160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, romagna, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwUh